satellite

URANIAsat
URANIA & SF
cinema
 


(LA GUERRA DEI MONDI) (1)
Tit. Orig.:THE WAR OF THE WORLDS

Regia: Byron Haskin
Int: Gene Barry, Ann Robinson, Charles Gemora, Les Tremayne, Paul Frees, Jack Kruschen, Carolyn Jones
Durata: 85' - USA Colore 1953
Oscar 1953 Migliori effetti speciali visivi
CIC Video, PHE
VHS: CIC Video, DVD

 


"...I Marziani non erano riusciti a resistere ai batteri che infestano la nostra atmosfera; appena ebbero respirato la nostra aria i germi, che per noi, ormai, non sono più nocivi, iniziarono la loro opera mortale. La fine avvenne rapidamente. Quando tutti i mezzi escogitati daglu uomini erano falliti, i marziani vennero distrutti dagli esseri più microscopici che Iddio, nella sua infinita saggezza, aveva messo su questa Terra..."
Chiudeva così (con la voce di Sir Hardwicke), quasi tutti lo ricordiamo, in una maniera tipica di quegli anni, il film che rimane uno dei classici del cinema sf. Sembra che costi di produzione elevati e lunghi tempi di lavorazione ne abbiano frenato la realizzazione. Eppure gran parte fu speso per gli effetti speciali che ancora oggi rimangono spettacolari. Gemora ideatore e costruttore del marziano dovette scostarsi dall'idea di Wells di un elemento tentacolare perchè complessa nella realizzazione tecnica. Ma non fu il solo elemento che costrinse, per difficoltà operative, a dovere abbandonare le idee originali di Wells. Le astronavi tripodi dell'autore furono infatti sostituite dagli elementi che conosciamo nel film molto più semplici ed agevoli. Indimenticabili anche i fili a resistenza elettrica per la realizzazione del raggio disintegratore e quello verde (che esce dai poli delle macchine) realizzato dipingendo una grande quantità di fotogrammi. Ma vediamo come li descrive Wells - "...Una massa grigiastra e arrotondata, grande press'a poco come un orso, stava uscendo lentamente e faticosamente dal cilindro...Sotto gli occhi c'era una bocca, i cui orli privi di labbra tremavano, si agitavano e colavano saliva. Il corpo ansimava e pulsava convulsamente..." e poi ancora "... bocca a V rovesciata, l'assenza dell'osso frontale e del mento sotto la linea dritta del labbro inferiore...i gruppi di tentacoli da Gorgone...". Non meno affascinante quella delle macchine - "...Un tripode mostruoso, più alto di molte case...cavi articolati di acciaio si snodavano da esso...riuscite a figurarvi uno sgabello a tre gambe che venga fatto ruotare velocemente e consecutivamente su tutti e tre i piedi lungo un pavimento?..." (2) - e via via la descrizione si arricchisce di nuovi particolari ed anche di elementi non rintracciabili nel film. Quest'ultima annotazione non a demerito del film, sarebbe una visione distorta tentare un parallellismo fra i due lavori, siamo davanti a due opere entrambe significative per la storia della sf e dei mondi ad essa collegati. - il cinema è uno di questi. Importante se non fondamentale è stata la presenza di George Pal da molti ricordato spesso più per questo film che per Destination Moon. Ricordo per ultimo l'opera preziosa di un grande artista Chesley Bonestell che dipinse alcuni scenari, credo che molti lo hanno hanno apprezzato nel suo stile inconfondibile su molte copertine di fantascienza ( uno dei miei preferiti ). In alto a sx una lobbycard per una edizione italiana del film. Prima di chiudere questa pagina, che necessariamente deve mantenersi nell'ambito di una breve scheda filmica, alcune note sulla pubblicazione dell'opera originale di Wells ed in URANIA. The War of The Worlds è ammantata dalla quasi leggenda dell'evento radiofonico di Orson Wells, ma a prescindere da questo, che sicuramente ebbe un peso pubblicitario notevole per la sf, la sua storia inizia in tempi più lontani. Torniamo indietro infatti nel 1898 anno in cui W. scrive The War of The Worlds - poco prima The Island of Dr. Moreau e The Invisible Man - un romanzo che si colloca nella "parabola" dello scrittore in un momento di fiducia razionale per la tecnologia e le scoperte scientifiche ma al tempo stesso preoccupato per l'uso delle stesse che culmina forse in The War in the Air del 1908. URANIA ha pubblicato una forma breve del romanzo nella Rivista n. 14 del 1 Dicembre 1953 presentando anche una interessante serie di illustrazioni d'epoca nonchè un articolo sul film; mentre il romanzo su AMAZING STORIES è apparso nell'agosto del 1927 con le suggestive immagini di Frank R. Paul - che ricordano comunque vagamente quelle di Warwick Goble nella rivista Pearson's del 1897 - ed in seguito ulteriori elaborazioni come quelle ad es. su Famous Fantastic Mysteries del luglio 1951

(1) anche nel 1988 War of the Worlds - regia di George Bloomfield, cast: Jared Martin, L. Mason Green, Philip Akin, Richard Chaves USA tvfilm
rif. VIDEO GUIDA 2000-2001 di Gabriele Rifilato RAIERI, 2000 Roma
(2) AVVENTURE DI FANTASCIENZA - Herbert George Wells - a cura di Fernando Ferrara - Ed. U. Mursia 1966, Milano vol. II p. 34

Moebius 01/2002

 

Moebius
2002
Menù principale